Home » Blog » Arredare una mansarda

Arredare una mansarda

di Erica Pusceddu

Consigli semplici per un ambiente unico. Come arredare, organizzare e rendere funzionali anche le mansarde più piccole senza perdere di vista lo stile personale, da tradurre in soluzioni su misura e scelte cromatiche di carattere.

La difficoltà progettuale data dall’irregolarità dei tetti è, senza dubbio, un ostacolo iniziale, ma con un attento studio può tradursi in una risorsa preziosa per la creazione di un progetto unico e non convenzionale. Ogni mansarda è diversa nella struttura e ciò ne rende divertente il processo di personalizzazione. Una cosa è certa, la sua riuscita non ammette errori.

Arredi, altezze e distanze devono essere perfettamente calcolati perché l’ambiente risulti fluido, ordinato e, inaspettatamente, in grado di contenere tutto ciò che ognuno mediamente possiede.

Il punto di partenza per le scelte successive è l’osservazione di due elementi cardine: altezze luce naturale, elementi che determinano la corretta disposizione di funzioni e arredi. La luce naturale è molto importante nella zona cucina\pranzo e in quella studio\lavoro perciò sceglieremo di collocare queste funzioni nel punto maggiormente illuminato.

In ambienti piccoli zona cucina e lavoro potrebbero trovarsi a dover coesistere, da qui la possibilità di una cucina a scomparsa che lascia totalmente spazio all’home office in caso di esigenze lavorative.

Stesso principio vale per la questione altezza. Posizioneremo le zone più frequentate nella parte più alta del soffitto e sfrutteremo le parti basse per armadiature appositamente realizzate su misura, assecondando le geometrie degli spazi.

È di certo questa una soluzione più dispendiosa ma di fatto l’unica in grado di ovviare al problema spazio\irregolarità in maniera esteticamente pulita e valida a livello funzionale. Il su misura inoltre offre una grande possibilità di personalizzazione nei colori, materiali e finiture per un risultato ancora più soddisfacente.

Una scelta vincente in termini di luminosità è senza dubbio quella dell’open-space. La luce dei vari ambienti si va sommando e l’intero spazio risulterà visivamente più ampio. A creare quelle divisioni necessarie a definire le varie funzioni ci pensano mobili e librerie semi aperti, che lasciano spazio alla luce di filtrare liberamente.

Anche il colore può essere utilizzato per creare zone che, pur essendo parte di un ambiente unico, hanno un loro carattere, attenzione però ai colori scuri che potrebbero non dialogare bene con la poca altezza dei soffitti.

Il tema colore è molto importante in ambienti particolari come quello della mansarda, il consiglio è di tenere sempre elevata la percentuale di bianco e fare distinzione tra una mansarda che sfrutteremo per brevi periodi di vacanza da una che vivremo tutto l’anno.

Nel primo caso via libera a toni molto caldi e rivestimenti in legno, elementi che doseremo bene nel secondo caso in cui è la sensazione di ordine e apertura il fil rouge del nostro progetto.

A proposito di legno, attenzione ai parquet a spina di pesce, sono pregiati ed eleganti, ma la loro massima resa è in connubio con soffitti molto alti.

Abbiamo parlato di luce naturale e di quanto questa possa influenzare le nostre scelte in ambienti in cui le fonti luminose sono limitate. Vediamo adesso quali potrebbero essere le soluzioni in tema di luce artificiale ed anche qui sono loro, i famigerati soffitti irregolari a dettare legge sulle scelte illuminotecniche.

Nei punti meno alti risulta impossibile posizionare da classica lampada a sospensione che tanto ci aiuta a dare il tocco decoro a zone come quella pranzo, inseriremo perciò dei faresti che potremo scegliere tra diverse tipologie: a incasso, su binario, direzionabili. Per fortuna ne esistono alcuni che assolvono anche la funzione estetica e convincono anche quella fascia di persone fedeli al fascino tradizionale del lampadario.

In aggiunta alle luci generali abbiamo poi quelle d’accento che evidenziano particolari punti, creano un’atmosfera soft e sono di grande utilità in angoli dedicati alla lettura o per migliorare la qualità e la resa delle immagini se poste dietro al televisore.

Per colorare un po’ questo piccolo viaggio nel mondo mansarda vi proponiamo tre palette colore dal diverso carattere e studiate per tre diverse tipologie di progetto.

Giovane

Sofisticato

Di design

Se siete curiosi di sapere come distribuire i colori di ciascuna palette in pareti colori e complementi scrivete a info@unacasasemplice.com

Related Posts